L’ UGUAGLIANZA CHE NON C’È

Da oggi 1 luglio è attivo il Sistema Sociale Integrato della Calabria (SSIC). Ma non è così. Da oggi i cittadini calabresi possono contare su un SSIC (dalle case famiglie per minori alle strutture per anziani, dai servizi per i portatori di handicap ai centri sociali ai servizi alle donne vittime di violenza e maltrattamenti) che offre loro una pluralità di opportunità, in modo da vedersi garantito il diritto alla uguaglianza tra tutti i cittadini sancito dalla Costituzione. E ciò dopo venti lunghi anni, ultimi in Italia, dall’approvazione della legge di Riforma n. 328 del 2000 che ha fornito un quadro di riferimento unitario di garanzie sociali valide per tutti i cittadini italiani.

Ma non è così. L’1 luglio, scadenza prevista dal Regolamento Regionale attuativo del Sistema Sociale Integrato della Calabria, è arrivato invano. Non sono stati approvati i Piani di Zona né sono funzionanti gli Uffici di Piano. Due pilastri della Riforma, senza i quali niente può funzionare. Per cui i cittadini calabresi continueranno, non si sa per quanto tempo ancora, a non godere degli stessi diritti degli altri cittadini delle altre regioni. Anzi, il mancato rispetto di questa scadenza ha peggiorato lo stato delle cose. Mentre prima, seppure in un sistema disorganizzato, comunque si andava avanti. Adesso è tutto fermo. Le strutture avranno ritardi nella erogazione delle rette, i nuovi servizi non potranno iniziare le loro attività per mancanza delle autorizzazioni necessarie, i cittadini non potranno acquisire servizi sociali di cui hanno bisogno. Tutto il settore è in una condizione di incertezza. Gli operatori e le operatrici rischiano di perdere il posto di lavoro.

E tutto questo è arrivato sotto gli occhi di tutti, primi fra tutti gli amministratori locali e regionali, che hanno la responsabilità dell’implementazione del Sistema.

Non hanno fatto nulla la quasi totalità dei comuni calabresi. Tra questi non ha fatto nulla il comune di Corigliano Rossano. Non ha fatto nulla la Regione Calabria, se non il trasferimento ai comuni di risorse e documentazioni insufficienti. Hanno assistito inermi ad un fallimento annunciato. Facendo precipitare il settore nel caos.

Così la Calabria, ultima regione in Italia per Spesa Sociale, unica in Italia che ancora non ha un sistema sociale integrato, lascerà ancora i suoi cittadini e le sue cittadine più fragili nella condizione di non godere dei pieni diritti Costituzionali.

Corigliano Rossano 1 luglio 2020
                                           Il Presidente
dell’Associazione Mondiversi onlus
Antonio Gioiello

                                                                                                            

Related Posts

No Comments Yet.

add your comment